Metodi di pesca

Gli scampi irlandesi sono pescati a varie profondità, dalle acque costiere poco profonde fino agli 800 metri dello scudo continentale.

Main Image

Le navi irlandesi soddisfano i rigidi criteri di qualità, coerenza e tracciabilità, e molte tra esse partecipano come volontarie al Seafood Environmental Management System (sistema di gestione ambientale degli alimenti marini) al fine di assicurare un futuro a questa importante risorsa.

Il commercio degli scampi irlandesi è cominciato nel sud ovest dell'Irlanda negli anni settanta. Attualmente, la pesca degli scampi irlandesi è praticata da oltre 100 imbarcazioni, che attraccano nei seguenti porti pescherecci: Howth, Co. Dublin, Ros a Mhíl, Co. Galway, Clogherhead, Co. Louth, Kilmore Quay, Co. Wexford, Dunmore East, Co. Waterford e Castletownbere, Co. Cork.

 

 

Le imbarcazioni che pescano gli scampi irlandesi usano prevalentemente reti a strascico singole o doppie nel Mare d'Irlanda, nel Mar Celtico e in vari fondali particolari come quelli delle Aran e delle "Smalls" al largo della costa occidentale irlandese.

Alcune imbarcazioni da cabotaggio utilizzano nasse per pescare vivi gli scampi, in particolare se devono essere venduti ai ristoranti. Gli scampi vivi sono legati individualmente o stoccati in contenitori speciali per conservarli separatamente.